Scopri
Ajoutez à vos favoris
Recommandez LB
il Louvre con la Bibbia
default.titre
default.titre
Iscrivetevi alla Newsletter !
www.louvrebible.org
Mesopotamia arcaica
Mesopotamia
Assiria , Ninive
Arslan Tash, Til Barsip
Iran, Palazzo di Dario
Fenicia, Arabia, Palmyra
Costa della Siria
Ugarit Byblos




 

Iside che allatta Horus                E 3637


Sully sala 18 vetrina 1



Il culto della Madre e dell’infante era
molto diffuso in Egitto.

Si rappresenta spesso la dea madre Iside
che indossa la corona della Regina de Cielo
e tiene Horus sulle ginocchia. 


Questa immagine ricorda quella della Vergine
e del Bambino del mondo cristiano.

Nell’arte, si evince senza dubbio la grande somiglianza tra la figura di Iside che allatta
Horus e la Madonna con bambino.

Iside che allatta Horus

«L’antico Egitto, probabilmente, ha contribuito significativamente al simbolismo iconografico della Chiesa cattolica. Ed è forse a Iside, nella funzione di protettrice dei navigatori che assunse successivamente, che la Vergine Maria deve il suo affascinante epiteto di Stella Maris, Stella del Mare» -  J.G Frazer AE54

Simili coincidenze, sempre più sconcertanti, si rilevano ovunque. Per l’egittologo francese Ch. Desroches Noblecourt, « sicuramente i successori di San Pietro attinsero molto dagli antichi rituali egiziani ». Di fatto, molte caratteristiche delle diverse religioni, cristiane e non, trovano spiegazione in una comune origine babilonese. AE59

Questa immagine ricorda quella della
Vergine e del Bambino del mondo cristiano

La Madonna con Bambino


RF 3528

Hongrie

XVe siècle
 


Efeso fu il crogiolo dove il culto
pagano della dèa-madre
fu cristianizzato e trasformato
in una fervente devozione dedicata
a Maria divenuta “Madre di Dio”.

È ai cristiani d’ Efeso che l’apostolo Paolo aveva annunciato una tale deriva

(Atti 20:17-30 ; 2 Tessalonicesi 2:3,nota).

 
Nel 431 il terzo concilio ecumenico tenuto in questa città proclama Maria ‘Théotokos’ parola greca che significa ‘che genera Dio’. L’impiego di questo titolo dalla Chiesa fu determinante nello sviluppo della dottrina mariana. Le processioni dell’Assunzione potrebbero trovare il loro prototipo in quella fatta in onore di Cibele e Artemide.
 
 

Pannello della Vergine

durante l’Annunciazione

 

E 17118

 


Denon Entresol sala B vetrina M3

 
Risalente al V secolo, questa rappresentazione

dell’Annunciazione, scolpita e dipinta su legno di

fico, è una delle prime ad essere stata realizzata.

 

 Dea Madre e prototipo babilonese

 

Vaso della dea Istar


AO 17000


Richelieu sala 3 vetrina 5 b (4)

 

Da Babilonia il culto della Madre con il Figlio

si diffuse fin capo al mondo.


Gli adoratori d’Istar la chiamavano Santa Vergine,

e la pregavano d’intercedere presso gli déi irritati.

 

Questo prototipo babilonese e la fonte del culto successivo delle dée-madri. Essenziale e onnipresente nella storia dell’uomo, esso costituisce uno dei temi più importanti che è al’origine delle religioni e delle civiltà  A169

 

 





Carte Chronologie Début du départementSceau cylindre de roi prêtreAntiquités EgyptiennesAntiquités Romaines Haut de page